Concerto Grosso

Programmi, Settecento

Concerto Grosso

Capolavori strumentali del Barocco europeo

 

Arcangelo Corelli (1653 – 1713)

Concerto Grosso n. 7 in Re maggiore

(Vivace, Allegro, Adagio – Allegro – Andante largo – Allegro – Vivace)

 

Antonio Vivaldi (1678 – 1741)

Concerto detto Madrigalesco

(Adagio – Allegro – Adagio – Allegro)

 

Georg Philipp Telemann (1681 – 1767)

Concerto per Flauto dolce e Flauto traversiere in Mi minore

(Largo – Allegro – Largo – Presto)

 

………………………….

 

Georg Friedrich Handel (1685 – 1759)

Concerto op. 3 n. 3 in Sol maggiore

(Largo e staccato – Allegro – Adagio – Allegro)

 

Francesco Geminiani (1680 – 1762)

Concerto Grosso La Follia

 

Georg Muffat (1653 – 1704)

Concerto Grosso Propitia Sydera

(Sonata – Aria – Gavotta – Ciacona)

 

 

 

Valerio Giannarelli, Roberto Piga, Giorgio Tosi, Roberta Pietropaolo – Violino

Guido De Vecchi, Andrea PaoliViola

Claudia Poz, Don Franco PaganoVioloncello

Maurizio LessViolone

Francesca Torri Flauto traversiere

Michele BertucciFlauto dolce

Silvio Rosi – Tiorba, chitarra barocca

Sergio Chierici – Organo

Marco Montanelli – Clavicembalo e direzione

 

 

Lo splendore dell’arte musicale barocca trova uno dei suoi punti culminanti nella forma del concerto. L’etimologia ci suggerisce l’origine del termine dal latino cum – certare, combattere; e di combattimanto, ovviamente incruento, si tratta, siano i contendenti una compagine orchestrale contrapposta ad uno o più solisti oppure ad un concertino (2 violini e un violoncello). L’emozione del pacifico duello è tale che tutti i massimi compositori del tempo vi si cimentano. Nella proposta in oggetto vengono presentati alcuni fra i capolavori più importanti e popolari del genere.